Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

20 Cose da vedere Monaco di Baviera

Una guida con le informazioni più importanti alle 20 cose da fare e vedere a Monaco di Baviera di mattina e sera in 1, 2 o 3 giorni.

La capitale della Baviera è un cocktail di luoghi amati, opulente chiese barocche e musei di altissimo livello. Il Kunstareal di Monaco di Baviera è un insieme di musei d’arte con così tanti capolavori che è difficile sapere da dove cominciare. Una settimana non sarebbe mai abbastanza per vederli tutti e queste preziose collezioni sono state assemblate dai monarchi Wittelsbach che hanno governato la Baviera fino al XX secolo.

I loro palazzi in città sono due dei tanti monumenti gloriosi da vedere e potrai ammirare le Alpi dalla cima del Rathaus e della Chiesa di San Pietro. Monaco è anche la città di alcune esportazioni tedesche famose in tutto il mondo come BMW, FC Bayern e l’incomparabile Oktoberfest, più di due settimane di baldoria alimentata dalla birra ogni autunno.

Esploriamo le migliori cose da vedere e fare a Monaco di Baviera:

1. Alte Pinakothek

alte pinakothek

Il design neo-rinascimentale del museo sarà un modello per le gallerie che nasceranno a Bruxelles, Roma e San Pietroburgo. Fu tutto ordinato dal re Ludwig I per ospitare l’eccezionale collezione della dinastia Wittelsbach, iniziata dal duca Guglielmo IV nel 1500. Il risultato sono 800 dipinti tedeschi, francesi, olandesi, fiamminghi, italiani e spagnoli dal 1200 al 1800, di qualità superlativa.

I maestri che prendono i riflettori sono Peter Paul Rubens, Albrecht Dürer e van Dyck, tutti rappresentati da più dipinti. E sulla tua strada, Leonardo da Vinci, Tiziano, Hans Baldung Grien, Hieronymous Bosch e Rembrandt sono solo alcuni dei molti nomi prestigiosi che incontrerai.

2. Monaco Residenz

Monaco Residenz

Quello che iniziò come un castello del 14° secolo per i monarchi Wittelsbach sul confine settentrionale della città si sviluppò nel corso di diverse centinaia di anni in un sublime complesso di palazzi con dieci cortili e 130 stanze. I successivi duchi, imperatori, principi e re hanno tutti fatto grandi dichiarazioni in stile rinascimentale, barocco, rococò e neoclassico.
Date le dimensioni del palazzo e la ricchezza della sua arte, la Residenza di Monaco è uno spettacolo da fare in più visite se puoi. Ma alcuni must da spuntare sono il cortile della grotta rinascimentale italiana, la sala banchetti dell’Antiquarium riccamente adornata e le modanature dorate della Galleria Ancestrale barocca.

3. Neues Rathaus

Neues Rathaus

La popolazione di Monaco raddoppiò in meno di 20 anni tra il 1880 e il 1900, e il Neues Rathaus, che fu completato originariamente nel 1874, dovette essere ampliato appena 20 anni dopo essere stato finito. La facciata è lunga 100 metri e l’edificio è stato ampliato fino a 400 stanze, e si può entrare per scalare gli 85 metri dove si può vedere fino alle Alpi nei giorni senza nuvole. Dal 1908 il Glockenspiel suona ogni giorno alle 11:00 e alle 12:00, e poi alle 17:00 (da marzo a ottobre), con automi che recitano episodi del 1600.

4. Englischer Garten

Englischer Garten

Creato nel XVIII secolo, il parco inizia sulla riva sinistra dell’Isar a nord dietro la Residenz e sembra continuare all’infinito. Con i suoi 370 ettari, questa distesa di prati, alberi, pascoli, corsi d’acqua e un lago è uno dei più grandi parchi urbani del mondo, più grande del Central Park di New York. Ci sono alcune piccole attrazioni da vedere, come una casa da tè giapponese aggiunta per le Olimpiadi nel 1972 e la torre cinese basata sulla pagoda di Kew Gardens ed eretta per la prima volta nel 1790. Ma qualcosa che forse non vi aspettavate di incontrare è il surf: Sì, il fiume Eisbach, creato dall’uomo, ha una forte corrente che forma un’onda statica che i surfisti esperti cavalcano fino a un minuto alla volta.

5. Neue Pinakothek

Neue Pinakothek

 

Circa 400 dipinti del 1800 sono esposti nella Neue Pinakothek, e spuntano tutti i movimenti influenti del secolo. Ci sono romantici tedeschi come Caspar David Friedrich e Karl Friedrich Schinkel, realisti francesi come Delacroix e Courbet, e l’arte impressionista di Degas, Cézanne, Monet, Gauguin e Renoir. Dopodiché puoi andare piano e studiare ogni movimento in dettaglio, o passare da un periodo all’altro agli altri capolavori di Goya, Rodin, Klimt, Munch e Turner.

6. Marienplatz

Marienplatz

La piazza è al centro della città dal XII secolo e prende il nome da una colonna mariana che fu innalzata qui nel XVII secolo. Il monumento è del 1638 e celebra il ritiro delle truppe svedesi da Monaco durante la guerra dei 30 anni. La statua dorata in cima è più vecchia, scolpita nel 1590 e mostra Maria su una luna crescente come Regina del Cielo.Questa fu la prima colonna mariana a nord delle Alpi, e il precursore di una serie di monumenti simili in Baviera e in Europa centrale.Venite in dicembre, quando il mercato di Natale è in pieno svolgimento.

7. Chiesa di San Pietro

Chiesa di San Pietro

La più antica chiesa di Monaco fu costruita alla fine del 1100 ma fu distrutta da un incendio nel 1347. La ricostruzione fu in stile gotico e nel corso degli anni ci sono stati molti ampliamenti, lasciando la San Pietro con elementi rinascimentali e barocchi. Questa fusione di stili si applica all’arte, dato che i dipinti gotici del XV secolo di Jan Polack si trovano sotto un meraviglioso affresco sul soffitto tardo barocco di Johann Baptist Zimmermann. Entrate per dare un’occhiata più da vicino all’altare maggiore, che ha una figura di San Pietro scolpita da Erasmus Grasser alla fine del XVI secolo.

La chiesa di San Pietro si trova in cima alla collina di Petersbergl e vale la pena affrontare i 299 gradini della torre per trascorrere qualche minuto ad indicare i punti di riferimento di Monaco con l’aiuto di un telescopio.

8. Museo Tedesco

Museo Tedesco

Foto di Max-k muc Questo file è licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione

Come l’Alte Pinakothek, il Deutsches Museum potrebbe facilmente tenerti occupato per un giorno intero. Il museo si trova su un’isola nell’Isar (la Museumsinsel) e traccia lo sviluppo della scienza e della tecnologia in Germania. Ciò che ti terrà assorto è la grande varietà di campi trattati in queste gallerie, dalla nanotecnologia alla riproduzione, dall’aerospaziale e astronomia all’ingegneria idraulica.Se avete solo un paio d’ore a disposizione, dovrete pianificare in anticipo e concentrarvi su una o due cose.

Ogni campo ha esposizioni ben presentate e completamente interattive, che invitano i bambini a spingere pulsanti, muovere ruote e tirare leve.E mentre le menti più giovani sono soddisfatte e c’è anche una divertente zona per bambini, il museo non evita mai i dettagli complicati.

9. Pinakothek der Moderne

Pinakothek der Moderne

Sebbene sia conosciuta localmente come la “Dritte” (terza), dopo la Alte e la Neue Pinakothek, il museo d’arte moderna di Monaco è altrettanto essenziale. Come i suoi vicini del Kunstreal, le gallerie sono complete e fornite di arte dei nomi più celebri degli ultimi 100 anni.

La parte migliore è la mostra dell’Espressionismo di entrambi i gruppi Brücke e Blaue Reiter, e artisti come Kirchner, Kandinsky, Klee, Franz Marc e Emil Nolde saranno familiari a tutti. Nelle altre gallerie del Modernismo incontrerete Francis Bacon, Braque, Otto Dix, Picasso, Magritte, Max Ernst e Joan Miró. E poi, dagli anni 60 ad oggi, ci sono le gallerie contemporanee che abbondano di arte di Sigmar Polke, Andy Warhol, David Hockney e Lucio Fontana tra gli altri.

E oltre a tutto questo ci sono mostre di arte applicata/design industriale, fotografia, disegni e architettura.

10. Lenbachhaus

Chiesa Asam

Foto di Rufus46 Questo file è licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione

All’alba del 20esimo secolo Monaco aveva una scena artistica vibrante e influente, quando il gruppo Blaue Reiter (Cavaliere Blu) scosse le vecchie accademie. Molti importanti espressionisti erano membri, tra cui Kandinsky, Franz Marc, Gabriele Münter e August Macke, e il Lenbachaus trabocca dei loro dipinti.

C’è anche molta arte contemporanea di artisti come Gerhard Richter, Andy Warhol e Jenny Holzer. L’elenco degli artisti monacensi del museo risale al pittore gotico Jan Polack e comprende il ritrattista Georg Desmarées, i paesaggisti Carl Anton Joseph Rottmann e il luminare Biedermeier Carl Spitzweg. La Lenbachhaus prende il nome dal ritrattista Franz von Lenbach che commissionò l’edificio nel 1880. Nel 2013 è stata aggiunta una nuova ala, rivestita con tubi di rame e alluminio.

11. Chiesa Asam

Chiesa Asam

Foto di Lämpel Questo file è licenziato in base ai termini della licenza Creative Commons Attribuzione

A pochi passi dalla Sendlinger Tor, all’estremità meridionale della vecchia Monaco, si trova una stravagante chiesa tardo barocca incastrata in uno spazio ristretto tra edifici vicini. La chiesa Asam prende il nome dai suoi progettisti della metà del XVIII secolo, i fratelli Asam, uno pittore e l’altro scultore. Una cosa interessante della chiesa è che era una cappella privata, non legata a nessun ordine religioso. Questo, insieme allo spazio ristretto, diede ai fratelli la libertà di infrangere alcune regole barocche per la disposizione e la decorazione interna. La chiesa è rivolta a ovest, per esempio, e il crocifisso di fronte al pulpito è appeso insolitamente basso.

Queste stranezze e l’abilità dei radiosi affreschi del soffitto e la maestria degli stucchi che rivestono la navata centrale contribuiscono a creare uno dei più importanti edifici in stile tardo barocco tedesco.

12. Frauenkirche

Frauenkirche

Anche se ci sono chiese più carine a Monaco, nessuna possiede il senso della scala della Frauenkirche del XV secolo. La sua coppia di torri, coronata da cupole a cipolla, è un punto di riferimento a Monaco e nessun nuovo edificio può superare i suoi 109 metri di altezza. Il design della chiesa è notoriamente discreto, con poche aperture di finestre e pareti disadorne che ispirano soggezione. La Frauenkirche ha sofferto durante la guerra, ma c’è ancora molta arte restaurata o originale da cercare all’interno.

Gli stalli del coro dell’inizio del XVI secolo sono scolpiti con busti di profeti e apostoli, e alcune delle vetrate provengono dalla chiesa medievale che sorgeva sul sito prima di questa. C’è anche un monumento tombale a Luigi IV, l’imperatore del Sacro Romano Impero del XIV secolo, e vedere un’impronta a forma di scarpa all’ingresso, presumibilmente lasciata dal diavolo!

13. Chiesa Teatina

Chiesa Teatina

A Odeonplatz sarete accolti dalla splendida facciata gialla della Chiesa dei Teatini del XVII secolo. Questo monumento fu progettato da architetti italiani in stile barocco e prese spunto da Sant’Andrea della Valle a Roma. Concedetevi il tempo di ammirare la facciata dipinta, ricca di nicchie, rilievi, colonne doriche e pilastri ionici.

È tutto il prodotto di un voto sacro fatto da Henriette Adelaide di Savoia, se avesse potuto dare alla luce un principe ereditario per l’Elettore Ferdinando Maria. Superate le porte, tenete d’occhio l’altare con le immagini degli evangelisti del 1722, il pulpito di legno nero del 1688 e la cripta, luogo di riposo di diversi membri della famiglia Wittelsbach.

14. Museo Nazionale Bavarese

Inaugurato dal re Massimiliano II nel 1855, il Museo Bavarese è un’altra attrazione culturale che richiede molto tempo. Qui ci sono più di 40 sale di oggetti decorativi, che vanno dall’antichità all’Art Nouveau dell’inizio del XX secolo. Ci sono maioliche, armi, armature, porcellane, dipinti a olio, strumenti musicali, mobili, orologi, costumi da tavola e molto altro ancora. I punti salienti sono la collezione Bollert, un tesoro di sculture tardo gotiche e rinascimentali provenienti da edifici religiosi della Baviera, e il set di figure di porcellana rococò di Nymphenburg del modellatore svizzero Franz Anton Buselli. Anche l’edificio del museo storicista merita una menzione, essendo stato costruito appositamente per completare le collezioni alla fine degli anni 1890.

15. Museo BMW

Museo BMW

Karl Schwanzer, l’uomo che ha progettato il famoso quartier generale della BMW, ha anche elaborato i progetti per l’edificio futuristico del museo di fronte, spesso descritto come “insalatiera”. L’edificio è stato completato nel 1973 e le sue gallerie sono su una spirale in stile Guggenheim. Gli showroom sono ariosi, spaziosi e senza sforzo, mentre si fa un viaggio attraverso lo sviluppo tecnologico del marchio. Ci sono auto d’epoca, aerei, motociclette, turbine, motori e anche stravaganti veicoli concettuali degli ultimi due decenni, tutti accompagnati da informazioni multimediali. Sapevate che Elvis Presley possedeva una BMW? Beh, ce l’aveva ed è in mostra qui.

16. Glyptothek

Glyptothek

Il nostro ultimo museo nella Kunstareal sarebbe una priorità in quasi qualsiasi altra città, il che testimonia il volume di arte e storia di questo quartiere. La Glyptothek è un tempio neoclassico ordinato dal re Ludwig I come deposito per la sua collezione di sculture greche e romane. L’edificio fu completato nel 1830, il che lo rende il più antico museo di Monaco. Ci sono più di 1.000 anni di scultura all’interno, che abbracciano il periodo arcaico, classico ed ellenistico e l’impero romano. Il fauno ellenistico Barnerini è uno da tenere d’occhio, raffigurante un fauno a grandezza naturale e scolpito intorno alla fine del II secolo a.C. Del periodo romano c’è un assortimento di busti di imperatori come l’imperatore Augusto, Nerone, Caligola e Traiano, e gli statisti Silla e Gaio Mario.

17. Olympiapark

Olympiapark

Mentre molte ex sedi olimpiche in tutto il mondo tendono ad essere dimenticate, il parco olimpico di Monaco del 1972 è ancora una meta popolare. Il parco è un enorme centro di attività dove si può cavalcare una zip-line sopra l’iconico stadio, partecipare a sport acquatici sul lago e sciare sulla collina in inverno. Ci sono anche divertimenti da fiera in estate, e non mancano i posti per prendere uno spuntino o un pasto. Il parco è stato anche testimone di alcuni eventi storici, uno triste, come il massacro di Monaco di 11 membri della squadra israeliana nel 1972, e si può ancora visitare l’edificio 31 dove alloggiava la squadra israeliana.

Su una nota più leggera, lo stadio olimpico è stato anche la scena di una delle più memorabili finali della Coppa del Mondo nel 1974, quando la Germania di Beckenbauer venne da dietro per sconfiggere l’Olanda di Johan Cruyff per 2-1.

18. Allianz Arena

Allianz Arena

Anche se hai solo un interesse passeggero per il calcio, una visita alla casa del FC Bayern deve essere in agenda. Non solo perché sono la squadra più importante della Germania e hanno un posto speciale nella cultura della nazione, ma anche perché si sono trasferiti in una nuova casa fantastica poco più di dieci anni fa. Lo stadio da 66.000 posti è rivestito con 2.874 pannelli luminosi, che si illuminano con i colori del club nei giorni delle partite. Il tour dell’Allianz Arena, della durata di un’ora, è un’esperienza a tutto campo, che ti guida negli spogliatoi, nel tunnel dei giocatori, nella zona mista dove vengono rilasciate le interviste post partita e nella sala conferenze stampa. Dopodiché puoi passare un po’ di tempo nel museo per conoscere i più grandi giocatori del Bayern come Franz Beckenbauer, Gerd Müller e Lothar Matthäus, e rivivere le cinque vittorie del club in Champions League/Coppa Europea.

19. Teatro Nazionale di Monaco

theatre-gb3f548daa_1280

Il neoclassico Teatro Nazionale sulla Max-Joseph-Platz è uno dei migliori teatri d’opera d’Europa e la sede del Balletto di Stato Bavarese, dell’Orchestra di Stato Bavarese e dell’Opera di Stato Bavarese.

Il design attuale e il suo maestoso portico sono del 1825, e anche se l’edificio è stato devastato durante la guerra è stato ricostruito secondo i piani dell’architetto Karl von Fischer del XIX secolo negli anni ’60.

Gli appassionati dell’opera che non sono in grado di ottenere i biglietti possono comunque organizzare un tour in lingua tedesca per vedere la splendida area del backstage a più piani, e scoprire di più sulle persone che hanno abbellito questo edificio: Diverse opere di Richard Wagner hanno debuttato al National Theatre, come Die Meistersinger von Nürnberg, Das Rhengold e Die Walküre.

20. Il mercato Viktualienmarkt

Il mercato Viktualienmarkt

Il mercato alimentare della città fu trasferito qui nel 1807 quando divenne troppo grande per Marienplatz. Innanzitutto il Viktualienmarkt è un luogo dove le persone possono fare la spesa, composto da 140 bancarelle al chiuso e all’aperto e negozi che vendono frutta e verdura fresca, salsicce, formaggi e cibi speciali più sofisticati come olio d’oliva, vino e tè. Ma questo è solo metà della storia, perché c’è un grande biergarten nel centro del mercato, uno dei preferiti di Monaco. Se avete un languorino c’è una scelta allettante di bancarelle di cibo o potete prendere una cotoletta o un wurstel dal ristorante self-service del biergarten.

20 Cose da vedere a Monaco di Baviera, Luoghi e Attrazioni da visitare