Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

35 Cose da vedere in Costiera Amalfitana

Una guida dettagliata alle 35 cose da vedere e fare in Costiera Amalfitana di mattina e sera in 1, 2 o 3 giorni.

La Costiera Amalfitana può essere vista e vissuta in tanti modi. I viaggiatori avventurosi che vogliono allenarsi possono attraversare i numerosi sentieri panoramici che serpeggiano attraverso la regione. Coloro che cercano rigorosamente il relax possono trovare conforto in una delle 100 spiagge della costa, tra cui l’appartato Cavallo Morto. Se hai abbastanza voglia di mare, vedere Amalfi in barca è considerata un’esperienza indimenticabile (e in cima alla nostra lista dei migliori tour in Italia), come testimoniano le viste sul litorale dall’altissima Villa Rufolo. Ma se sei su un itinerario stretto, la Positano da cartolina, con la sua architettura colorata e i servizi di lusso, è la quintessenza di Amalfi e da non perdere.

Di seguito le cose migliori da vedere in Costiera Amalfitana.

1. Visita le meravigliose spiagge della Costiera Amalfitana

spiagge della Costiera Amalfitana

Situata nella parte meridionale dell’Italia, si trova la splendida Costiera Amalfitana. Ha alcune delle bellissime spiagge e luoghi instagrammabili del paese. Per un mix di splendide calette, spiagge di ciottoli e sabbiose,

Di seguito le migliori spiagge Della Costiera Amalfitana.

  • Marina Grande
  • Spiaggia della Gavitella
  • Arienzo
  • Santa Croce
  • Fiordo di Furore
  • Marina di Cetara
  • Il Duoglio
  • Spiaggia di Cauco
  • Marina di Praia
  • Spiaggia della Marinella
  • Atrani
  • Baia di Iearanto
  • Bagni Regina Giovanna
  • Spiaggia della Pignatella

2. Trova Il punto strategico per iniziare (Corbara)

Corbara

Bisogna dire che un o dei migliori punti dal quale iniziare il viaggio in Costiera Amalfitana è Corbara, Si perché questo caratteristico paese situato sui monti appena sopra la costiera Amalfitana, offre una validissima posizione strategica, soprattutto se si decide di alloggiare all’ Hotel Valleverde (che dalle sue stanze offre una Vista impagabile). Da Corbara, potrete facilmente raggiungere, Sorrento e le sue spiagge, Positano, Praiano, Amalfi, Ravello, Minori, Maiori, Vietri sul Mare e Salerno. Tutti Questi paesi si trovano a meno di 30 minuti da Corbara.

3. Visita la famosa Grotta dello Smeraldo.

Grotta dello Smeraldo

Sul’ autostrada che fiancheggia la famosa Costiera Amalfitana, si trova la famosa Grtta dello Smeraldo che è sicuramente un delle attrazioni più iconiche di questi magici luoghi. Nel 1932, un pescatore della zona, ha scoperto questa splendida grotta. Questa è ora molto famosa per la sua particolare colorazione verde smeraldo, che assume quando i raggi del sole filtrano da una fessura che si trova al disotto di essa. Inoltre la grotta è ricoperta da stalattiti e stalagmiti che i barcaioli locali si divertono ad associare a diversi monumenti sparsi per il mondo, per via delle forme lontanamente simili ad essi.Non dimenticate di essere li molto presto per visitarla, i parcheggi sono limitati, quindi c’è da attendere un pò prima che si liberino nuovamente, una volta occupati.

4. Percorri il Sentiero degli Dei

Sentiero degli Dei

Paradiso per gli escursionisti e sentiero panoramico per tutti gli altri, come suggerisce il nome di questo sentiero costiero. Caratterizzato da scenari drammatici oltre a quelli tradizionali italiani con vigneti aggrappati alla montagna e piccole città dove il tempo sembra essersi fermato, questa attività è facilmente una di quelle che non dimenticherai facilmente. L’intera passeggiata da Bomerano a Positano dura più di 4 ore, ma la maggior parte delle persone si ferma nella pittoresca cittadina di Nocelle per pranzo e poi prende l’autobus per Positano. Questo percorso dura circa 3 ore.

5. Visita Sorrento

Sorrento

Arroccata sopra il Golfo di Napoli, Sorrento è la porta d’accesso alla Costiera Amalfitana, anche se tecnicamente non ne fa parte. Tuttavia, questa bella città ricca di cultura, che è un’ottima base per esplorare Positano, Pompei e l’isola di Capri, merita da sola un soggiorno più lungo.

Assaporate il fascino dell’Italia meridionale nel centro storico rinascimentale/barocco, un affascinante labirinto di vicoli stretti e piazzette pittoresche animate da graziosi caffè sul marciapiede; fate una passeggiata lungo Marina Grande e gustate i frutti di mare freschi in uno dei tanti ristoranti sul lungomare; oppure fermatevi al romantico parco della Villa Comunale per ammirare la vista più sorprendente del Vesuvio. E, naturalmente, non lasciate la città senza aver visitato I Giardini di Cataldo, una delle limonaie più apprezzate d’Italia.

La città ospita anche eleganti palazzi, un paio di piccole spiagge di sabbia vulcanica e un’infinità di laboratori e gallerie specializzate in intarsi artigianali.

6. Visita Nerano

nerano

Un grazioso centro storico, tante bellezze naturali e una serie di ristoranti di pesce sul lungomare fanno di Nerano un’alternativa idilliaca e tranquilla alle vivaci città della Costiera Amalfitana come Positano, Atrani o Praiano.

Situato a metà strada tra Sorrento e Amalfi, sulla punta della Penisola Sorrentina, questo grazioso villaggio di pescatori nascosto tra montagne lussureggianti attrae soprattutto italiani, oltre a subacquei e appassionati di snorkeling attratti dai suoi fondali rocciosi e dalle acque limpide.

Terrazze rustiche all’aperto e ombrelloni dai colori vivaci costeggiano la spiaggia di ciottoli di Marina del Cantone, mentre la vicina baia di Recommone, a cui si accede attraverso un sentiero panoramico, ospita grotte pittoresche e un rinomato beach club (Conca del Sogno). Un altro bellissimo sentiero, anche se più lungo, porta gli amanti della natura dalla piazza principale di Nerano alla Baia di Ieranto, una delle poche aree protette della Penisola Sorrentina, dove si trova una piccola caletta e una vista spettacolare sui famosi Faraglioni di Capri.

7. Visita Atrani

Atrani

Adagiata su due facce di una scogliera spaccata, Atrani è il tipo di destinazione cinematograficamente carina che porta produttori e inserzionisti a cercarla costantemente come sfondo per programmi televisivi, film e pubblicità. Quindi potresti averla già vista senza nemmeno rendertene conto. Costituito da una serie di edifici colorati che si ergono dalle acque azzurre e scintillanti del Mar Tirreno, stradine tortuose e ripide scalinate.

Un nucleo storico medievale rimasto più o meno intatto, scogliere rocciose e verdi pendii ricoperti di alberi che circondano la città. Troviamo anche spiagge da cartolina fiancheggiate da lettini nella parte anteriore della città e molto altro ancora. Questo è il tipo di posto che sembra qualcosa strappato direttamente da una cartolina o dalla copertina di una guida turistica. Oltre a tutto questo, Atrani è stata storicamente una residenza privilegiata dei Duchi di Amalfi e, di conseguenza, vanta gioielli e monumenti architettonici molto più grandiosi e raffinati di quanto ci si possa aspettare da una cittadina così piccola, anche se non tutti i le incredibili attrazioni della città risalgono a questo periodo particolare.

La Chiesa di San Salvatore de’ Birecto, ad esempio, fu fondata nel 940 e successivamente divenne sede delle incoronazioni dei Duchi d’Amalfi. È una splendida e antica chiesa che è stata successivamente rimaneggiata in stile neoclassico e presenta interni e decorazioni riccamente scolpiti, tra cui rilievi marmorei dell’XI secolo in stile bizantino e una porta di bronzo all’ingresso realizzata a Costantinopoli nel 1087 dal nobile Pantaleone Viaretta.

8. Visita Positano

Positano

Positano fu un importante porto della Repubblica amalfitana durante il medioevo e raggiunse il suo apice tra il XV e il XVII secolo. Nel 1800, tuttavia, Positano era caduta in disgrazia. Più della metà della popolazione emigrò in America durante questo periodo e Positano divenne un sonnolento paesino di pescatori.

Tutto questo cambiò negli anni ’50, quando Positano iniziò ad attrarre turisti. Questa tendenza è davvero decollata dopo che l’autore John Steinbeck ha visitato e scritto un articolo sul suo tempo a Positano per Harper’s Bazaar nel 1953. All’improvviso, il villaggio di pescatori un tempo addormentato stava attirando star del cinema, musicisti famosi, artisti, reali e altre celebrità. Secondo quanto riferito, Mick Jagger e Keith Richards hanno scritto la canzone “Midnight Rambler” mentre erano a Positano. Le classi superiori d’Europa e degli Stati Uniti iniziarono a vederlo come un ritiro estivo e la sua popolarità crebbe.

Oggi Positano è ancora una popolare meta turistica, e per buoni motivi. Uno dei motivi ovviamente è la bellezza paesaggistica, che si scorge ancor prima di arrivare in città. Molte delle svolte lungo la strada durante il suo avvicinamento forniscono brevi ma allettanti scorci di ciò che vi aspettava.

Occhio, Il parcheggio è le scale saranno sicuramente un punto dolente della vostra visita. Cercate di parcheggiare sulle strsce blu se vi è possibile, i parcheggi privati possono essere molto più costosi del previsto. Per le scale, l’unico consiglio è un abbondante colazione.

9. Visita Praiano

Praiano

Praiano è un pittoresco paese tra Positano e Conca dei Marini. Fu residenza estiva del Duca di Amalfi  al tempo della Repubblica Marinara di Amalfi, considerata il ‘cuore’ della Divina Costiera. Le case di Praiano sorgono alla base emersa del Monte Tre Pizzi, estendendosi fino alla spiaggia di Marina di Praia. Questo approdo naturale realmente incastonato nella roccia era già utilizzato ai tempi dell’antico Pelagianum (antico nome di Praiano). Su di essa veglia la torre di avvistamento medievale Torre a Mare. Immersa nella fauna della Macchia Mediterranea, con le sue suggestive balze direttamente sul mare, Praiano offre non solo ameni paesaggi e caratteristiche monumentali, ma anche ottimi servizi turistici e di ristorazione.

10. Visita Ravello

Ravello

Ravello è uno dei paesi della Costiera Amalfitana non affacciato sul mare, ma gode di un’incantevole vista panoramica sulla costa più bella d’Italia, il Mar Tirreno e il Golfo di Salerno.

Sono ancora tante le storie da scoprire lungo le sue strade medievali, i giardini, le ville e gli antichi viottoli in pietra. Ravello è stata nominata la città della musica ed è sede del Ravello Festival e dell’imponente Auditorium Oscar Niemeyer.

Ravello è considerata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, ed oggi è una delle mete italiane più famose per il turismo internazionale per gli amanti delle bellezze architettoniche. Soprattutto è un vero luogo dell’anima per intellettuali e appassionati di arte e cultura.

Le meravigliose terrazze di Villa Rufolo e Cimbrone da cui si può ammirare un panorama esclusivo. Il Festival Internazionale di Musica, che ha reso Ravello famosa in tutto il mondo si svolge qui. Questo festival è organizzato in onore di Wagner. Oggi Ravello è sempre animata grazie a diverse attività culturali, un palinsesto di eventi, spettacoli, concerti e che coinvolge dalla tarda primavera a fine dicembre gli abitanti della città, gli appassionati e i visitatori occasionali.

11. Visita giardini di Villa Rufolo

Villa Rufolo

Un’altra delle ville più apprezzate della Costiera Amalfitana, e quella che un tempo era anche una delle più grandi e costose, Villa Rufolo si trova arroccata sulle colline che dominano Piazza Vescovado e le acque sottostanti.

I suoi giardini, che si estendono su due livelli e caratterizzati da fiori colorati, statue antiche e fontane gorgoglianti, sono un motivo sufficiente per una visita, ma ancora meglio è l’atmosfera straordinaria quando il palco dei concerti all’aperto del Ravello Festival, una serie estiva annuale che accoglie recital pianistici e spettacoli d’orchestra.

12. Visita la chiesa di San Giovanni del Toro

Chiesa di San Giovanni del Toro

Tesoro storico dell’XI secolo che, come molti edifici della regione, è stato in gran parte restaurato a seguito di un enorme terremoto, la chiesa di San Giovanni del Toro è una perla nascosta che offre splendidi panorami dalla sua terrazza all’aperto e una serie di sentieri tortuosi per perdersi (nel miglior modo possibile).

All’interno della chiesa stessa, troverai una serie di manufatti e dipinti secolari che, mentre alcuni potrebbero dire che necessitano di un po’ di amore e restauro, altri diranno che sono autentici come vengono.

13. Visita Villa Cimbrone

Villa Cimbrone

Villa Cimbrone offre il panorama più romantico della Costiera Amalfitana. Nel 1904 un Lord inglese, di nome William Beckett, divenne proprietario di Villa Cimbrone. Fu coadiuvato dal ravellose Nicola Mansi per la ricostruzione della Villa (Nicola non era né architetto né ingegnere). Nicola ha dato vita ad uno dei luoghi più belli e creativi della costa. Un mix di stili diversi che includono elementi etnici e culturali, reperti antiquari e ricordi dei suoi viaggi esotici. Il giardino di Villa Cimbrone con le sue statue, i templi, le fontane e le grotte è famoso per lo spettacolare belvedere dell’Infinito. Gore Vidal lo ha definito “il panorama più bello del mondo”.

14. Visita il Teatro Oscar Niemeyer Auditorium

Oscar Niemeyer Auditorium

Uno straordinario pezzo di architettura scultorea che rende omaggio sia all’arte che alla natura allo stesso modo, questo accattivante auditorium a forma concava è incastonato in una parete rocciosa verso la cima di Ravello, offrendo ai visitatori la possibilità di vedere viste mozzafiato della costa dal suo aperto- anfiteatro d’aria a 365 metri sul livello del mare.

Con una capacità intima di non più di 100 persone, qui è garantito uno spettacolo memorabile, anche se dovrai essere un pensatore rapido se vuoi avere la possibilità di prendere un biglietto: questa piccola meraviglia è spesso prenotata.

15. Visita Amalfi

Amalfi

Una cattedrale del IX secolo, squisitamente ornata, domina Amalfi, la città principale della costa. All’ombra della sua facciata di marmo a strisce e dei suoi ampi e ripidi gradini, Piazza del Duomo brulica di attività. Altrove, i negozi che vendono carta fatta a mano e limoncello fiancheggiano i pittoreschi vicoli di ciottoli, mentre le piazzette soleggiate attirano i passanti con i loro caffè all’aperto che servono dolci tradizionali fatti in casa e spumosi espressi.

Un tempo capitale di una potente repubblica marinara, questa graziosa città portuale dall’atmosfera decisamente moresca abbina i suoi tesori storici e culturali a splendide viste sulla costa e a un’animata scena balneare. Fiancheggiata da lettini e ombrelloni colorati, l’ampia e ghiaiosa Marina Grande è la spiaggia più vivace e famosa della zona, mentre la piccola e appartata caletta di Santa Croce vanta alcune delle acque blu più limpide della costa.

Situata a metà strada tra Sorrento e Salerno, la città di Amalfi può essere turistica, ma la sua splendida cornice – tra mare e limoneti terrazzati – non smetterà mai di sedurre.

Non dimenticate che per visitare questa splendida città, sopratutto in alta stagione, avrete bisogno e vi converrà parcheggiare la macchina a Maiori. Qui ci sono parcheggi a tariffa giornaliera, per la modica cifra di €20,00 che possono sembrare tanti, ma sono sempre meno delle 6/8€ all’ ora che vi chiederanno ad Amalfi. Da maiori potrete spostarvi con un bus della Sita per €2,00 a viaggio.

16. Visita Fontana Sant’Andrea

Fontana Sant'Andrea

Se ti chiedi cos’altro puoi fare vicino alla cattedrale di Amalfi, dovresti vedere Fontana Sant’Andrea. Questa bella fontana è una caratteristica della piazza davanti alla cattedrale e un luogo dove molti locali vengono a prendere un sorso d’acqua fresca . La sua posizione attuale risale al 1869, e funge principalmente da punto di incontro per le orde di turisti che invadono Amalfi.

17. Visita il Duomo di Sant’Andrea

Duomo di Sant'Andrea

l Mitico Duomo di Amalfi, che si trova nella sua piazza principale è l’icona di questo meraviglioso paese. Fondato nel decimo secolo, fu rivisitato nel tredicesimo secolo in stile arabo-normanno. Sulla sua cima si può scorgere un meraviglioso mosaico dorato e sulla sua facciata, diversi dettagli di tipo moresco. Sessantadue gradini precedono l’ingresso del duomo, alla sinistra possiamo scorgere il bellissimo campanile, con la sua cima rifinita in maiolica. Al suo interno troviamo uno stile di tipo barocco e un soffitto pieno affreschi. l’ingresso al duomo costa solo €3, nel suo prezzo è in clua anche la visita al chiostro, alla cripta e al museo.

18. Visita il Museo Della Carta

Museo Della Carta Amlfi

Questo museo si trova più su del paese, verso la cima della montagna, diciamo ad un quarto d’ora dalla piazza principale. Questo si trova in una cartiera originaria del tredicesimo secolo, il costo dell’ ingresso è di €4,50 con visita guidata. La visita ha la durata di 1 ora, e vi aiuterà a comprendere, come la Città di Amalfi, sia stato un centro della produzione della carta. Nel tour è compreso una dimostrazione pratica, dove si verrà chiamati ad interagire al processo di produzione. Al suo interno si possono trovare moltissimi macchinari antichi adibiti alla produzione della carta, come: martelli, panni di canapa, ruote idrauliche ecc… Al suo interno troverete anche un negozio di articoli da regalo in tema.

19. Visita Arsenale della Repubblica

Arsenale della Repubblica

Per essere più consapevoli del magnifico passato della città di Amalfi, Bisogna sicuramente visitare ‘Arenale della Repubblica. Questo è un cantiere Navale del dodicesimo secolo, trasformato in museo. Le esposizioni includono, una copia delle leggi medievali del mare diviso in sessantasei capitoli, abiti dell’epoca, bussole e stendardi. Qui si tiene anche l’Amalfi Musical Show, un teatro che racconta la storia della città.

20. Porta a casa un Limoncello

Limoncello Amalfi

Sarebbe un peccato tornare a casa dal tuo viaggio in Costiera Amalfitana senza una bottiglia di limoncello o altri prodotti a base di limone. Vi consiglio quindi di visitare il punto vendita di Antichi Sapori d’Amalfi . È un negozio a conduzione familiare nella piazza principale di Amalfi, dove puoi trovare prodotti a base di limone unici e di alta qualità. Lì troverai varie bevande locali a base di limone e melone, nonché di tutto, dai liquori al limoncello ai cioccolatini al limoncello !

Inoltre, c’è un’ampia selezione di prodotti a base di limone (profumi per la casa, fragranze, caramelle, saponi, ecc.). La cosa grandiosa è che puoi fare molti assaggi di gusto , così puoi scegliere un prodotto che ti piace di più! Inoltre, nel negozio, troverai bellissime lavorazioni artigianali sulle bottiglie in vetro e ceramica.

21. Visita Minori

Minori

​La sonnolenta cittadina balneare di Minori si trova appena ad ovest della vicina Maiori , le due località collegate tramite la strada principale che curva intorno a un promontorio. Minori è un comune ufficiale della provincia di Salerno in Campania con una popolazione di 2.698 abitanti.

Ha una bella spiaggia sabbiosa mentre dietro c’è una piccola piazza e una buona selezione di posti dove mangiare, bere e fare shopping. ​​Tra le principali attrazioni di Minori c’è la bellissima Basilica di Santa Trofimena , che prende il nome da un martire siciliano. ​​Durante

Con la sua posizione inserita tra Maiori a est e Amalfi a 15 minuti di auto/20 minuti di autobus a ovest, Minori funziona bene come base da cui partire per esplorare la Costiera Amalfitana evitando le città più affollate e di alto profilo dove l’alloggio può essere più costoso e difficile da trovare un buon rapporto qualità-prezzo.

22. Percorri il Sentiero dei limoni

Sentiero dei limoni

Maestosa passeggiata che funge da collegamento tra i paesi di Minori e Maiori, il Sentiero dei Limoni, fedele al suo nome, è decorato da un incantevole limoneto che sovrasta, completando gli scorci da cartolina del borgo di Torre e più ampia Costiera Amalfitana sulla strada per la città successiva.

Conosciuto come un’escursione abbastanza facile e adatta alle famiglie, il percorso dura circa 1 ora e presenta un totale di circa 400 gradini (che lo rendono non accessibile in sedia a rotelle, sfortunatamente) e non mancano gli sfondi degni di Instagram.

Non dimenticate di parcheggiare la vostra auto a Maiori (in un parcheggio con tariffa giornaliera), cosi ché una volta arrivati a Minori, possiate prendere un bus per il ritorno o per i più audaci, continuare la camminata rientrando dal meraviglioso lungo mare.

23. Visita Maiori

 

La tranquilla e storica cittadina di Maiori, ospita la spiaggia sabbiosa più lunga e ininterrotta della Costiera Amalfitana. Con l’architettura antica, numerosi ristoranti autentici e uno splendido scenario, Maiori è una destinazione a sé stante, ma la splendida distesa di sabbia è la sua vera pretesa di fama. Spesso trascurata a favore di alcune delle località più famose della Costiera Amalfitana, Maiori riesce a mantenere un ambiente tranquillo, e la spiaggia è il fulcro di tutto questo. La spiaggia è l’ideale per prendere il sole o sguazzare nel mare, ed è anche ben servita dai ristoranti nelle vicinanze. Di questi, la migliore è la splendida Torre Normana, che offre panorami mozzafiato e un’ottima cucina dall’alto di una fortezza normanna.

24. Visita Cetara

Cetara

Antica roccaforte saracena , il nome di Cetara deriva dal latino cetariae (tonnara ) . Borgo di pescatori, Cetara possiede una delle più grandi flotte del Mediterraneo per la pesca del tonno, in particolare del tonno rosso. Ricca tradizione di cucina ittica, il pittoresco paese è famoso per la “ colatura di Alici ” una salsa ambrata trasparente prodotta con un tradizionale processo di maturazione delle acciughe in una soluzione di acqua e sale. Sembra derivi da “ garum ”, l’antica salsa di pesca usata dai romani.
Cetara , situata in riva al Mar Tirreno, si trova tra Vietri sul Mare e Maiori , estendendosi dalla costa ail Monte Falerio .

Si possono trovare spiagge per nuotare e prendere il sole, ma a pochi minuti c’è la spiaggia di Marina di Erchie , con l’omonima torre, e Capo d’Orso , uno scoglio nero che si erge come un orso.

Lungo le suggestive strade e il porto turistico di Cetara, si trovano una manciata di notevoli ristoranti, che servono piatti tradizionali a base di pesce.

25. Visita Erchie

Erchie costiera di Amalfi

Erchie è una piccola città nella parte orientale della Costiera Amalfitana, in Italia. C’è la spiaggia principale con lettini, così come la selvaggia spiaggia di Caugo – dall’altra parte della torre – meno affollata, perché accessibile solo in barca. Erchie è considerato un sobborgo più economico e tranquillo di Cetara situato un po’ a est. Riva e fondale: sabbia, ciottoli.

26. Visita Vietri sul Mare

Vietri sul Mare

Vietri sul Mare, la prima cittadina meridionale della rinomata Costiera Amalfitana, è famosa per la produzione di ceramiche dai tipici vivaci colori mediterranei. Vietri è considerata un museo a cielo aperto perché i maestri ceramisti espongono la loro arte fuori dalle botteghe, rendendo la città uno spettacolo di arte e colore.

Avrai anche del tempo libero per ammirare la Cattedrale di San Giovanni e la colorata villa del municipio.

27. Fai un viaggio panoramico sulla Costiera Amalfitana

Panorama della Costiera Amalfitana

Road Trip Lungo la Costiera Amalfitana è uno dei modi migliori per scoprire i paesaggi mozzafiato della Riviera Ligure. Considerato uno dei percorsi costieri più spettacolari d’Europa. Questo percorso vizia i viaggiatori con viste mozzafiato su villaggi colorati, scogliere rocciose, spiagge maestose, uliveti e terrazze di alberi di limoni.

28. Visita la Valle Delle Ferriere

Valle Delle Ferriere

La Valle Delle Ferriere è un’area protetta in provincia di Salerno ed è una regione meravigliosa da esplorare per chi ama la vita all’aria aperta.

Partendo dalla piazza principale di Amalfi, noterete le indicazioni per la Valle Delle Ferriere e la Riserva. Qui troverai un’abbondanza di alberi di limoni, bellissime cascate e magnifiche viste sulla Costiera Amalfitana. C’è un biglietto d’ingresso di 5 euro.

29. Visita il Castello di Arechi, Salerno

Castello di Arechi Salerno

Svettando per quasi 270 metri sopra lo scintillante Golfo di Salerno e le colorate strade cittadine sottostanti, questo castello medievale da cartolina si trova in cima a una delle colline più alte della città, offrendo panorami che possono solo essere descritti come indimenticabili.

Originariamente costruito come forte bizantino nel VI secolo (con alcune delle sue sezioni ancora in piedi rispetto alla sua epoca originale), il famoso punto di riferimento ora funge da punto di osservazione romantico e preferito dai turisti, nonché da museo con una caffetteria in loco e ristorante.

Dopo esserti immerso nella vista, entra nel museo per scoprire tutti i tipi di armi antiche, ceramiche, monete e oggetti del passato.

30. Visita il Duomo di Salerno

Duomo di Salerno

Risalente a quasi un intero millennio – originariamente aperta nell’anno 1085 – questa iconica cattedrale è una delle più antiche di tutta Italia e si erge come uno, se non il più famoso punto di riferimento della città.

La Cattedrale di Salerno, conosciuta anche come Cattedrale di San Matteo dal santo patrono, è stata distrutta e restaurata numerose volte nel corso della storia – tra cui un terremoto nel 1600 e i bombardamenti alleati della seconda guerra mondiale – che le ha conferito una meravigliosa miscela di medievale e barocco , e torce architettoniche del XX secolo.

31. Visita il Giardino di Minerva

Giardino di Minerva Salerno

Se stai cercando una via di fuga in città, non cercare oltre il Giardino di Minerva.

Questa oasi urbana – situata nel centro storico di Salerno – è un tranquillo parco pubblico che permette ai visitatori di esplorare insieme storia e arte con le sue stupende composizioni di verde, intriganti musei e mostre didattiche ed elementi scultorei risalenti al 17° e 18° secoli.

Lontano dal tipico orto botanico, Minerva’s è suddiviso in diverse zone tematiche: iniziate la vostra passeggiata per Palazzo Capasso, visitate il Museo della Farmacia e non dimenticate di fermarvi ad annusare le rose (oltre alle piante medicinali che risalgono ritorno al medioevo)!

32. Visita la Grotta Azzurra di Capri

Grotta dello Smeraldo

Situata sulla costa dell’isola di Capri, la Grotta Azzurra lascia i visitatori in soggezione assoluta. Questa grotta marina naturale è lunga 60 metri e larga 25, ed è inondata di una brillante luce blu o smeraldo, che proviene da due fonti: uno stretto ingresso ad arco e un’apertura approssimativamente direttamente sotto di essa.

A bordo di una barca a remi di legno, i passeggeri vengono trasportati attraverso un minuscolo portale di pietra ed entrano in questa grotta marina da favola, dove rimarranno meravigliati dalle formazioni rocciose naturali illuminate da una luce azzurra. Un’esperienza da non perdere in qualsiasi viaggio ad Amalfi!

33. Ammira la Torre di Cetara e la Torre di Cerniola dalla costa

Torre di Cetara

Un paio di torri a guardia della città costiera di Cetara e che offrono alcuni dei panorami più gelosi d’Italia, la loro storia è ricca e affascinante come loro.

La Torre di Cetara risale al XV secolo, fungendo da custode della piccola ma splendida spiaggia di Cetara. Ma la sua vicina, la torre di Cerniola nella vicina Erchie (un po’ fuori dai sentieri battuti) offre uno sfondo meraviglioso per un posto molto più tranquillo e sereno della maggior parte.

Come scoprirai senza dubbio, entrambe le torri sono perfette per ammirare il tramonto.

34. Visita il Vesuvio

Vesuvio

Il Vesuvio potrebbe essere il vulcano più riconosciuto al mondo. La vetta inquietante fa da sfondo a Napoli ed è un punto di riferimento immediatamente riconoscibile. Il monte minaccioso è il vulcano attivo più piccolo del mondo. Sbuffa e sputa di tanto in tanto per ricordarci che è ancora una potenziale minaccia.

L’eruzione più famosa avvenne nel 79 dC quando svuotò enormi quantità di lava e cenere sulle città romane di Pompei ed Ercolano. Non furono riscoperti fino al XVIII secolo. Le affascinanti rovine sono oggi alcuni dei siti più visitati d’Italia.

Il Vesuvio è formato da un grande cono, noto come Cono Grande, con un cratere spalancato, il cratere crollato dell’antica eruzione. Un cono più piccolo e un picco lo fiancheggiano. Il punto più alto è il Monte Somma a 3.770 piedi (1.149 metri) di altezza.

35. Visita gli Scavi di Pompei

Pompei

Pompei non lascia indifferenti: è difficile credere che questa città pietrificata dalla lava del Vesuvio fosse quasi duemila anni fa un luogo pieno di vita in pieno Impero Romano. L’eruzione del vulcano paralizzò la vita quotidiana delle sue strade e della sua gente, lasciando il panorama che vediamo oggi.

Grazie alla buona conservazione dei suoi resti e al duro lavoro di storici e archeologi nel corso della storia. Oggi possiamo ricostruire com’erano la vita sociale e i costumi dei cittadini di Pompei. Prendete nota dei luoghi da non perdere se state programmando un viaggio a Pompei.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

35 Cose da vedere in Costiera Amalfitana, Le migliori Attrazioni da visitare